Home

PostHeaderIcon Paesaggi d'Autunno

PostHeaderIcon Il Programma

There are no translations available.

27 ottobre: ore 19, welcome drink, cena e proiezione del lavoro di Claudio Marcozzi. La parte teorica (due serate), riguarderà lo studio della luce, della composizione dell'immagine (linee, forme, colori, ecc.) e della psicologia della percezione visiva.

dal 28 al 31 ottobre: riprese fotografiche. Quattro giorni di perlustrazioni e soste nei punti più fotogenici, non a caso ma guidati da chi conosce bene la zona. Pausa pranzo: pic-nic con prodotti locali a cura dell'organizzazione. Il 31 ottobre il corso si concluderà con una serata aperta al pubblico in cui saranno proiettate le foto scattate dai partecipanti ed un lavoro di Claudio Marcozzi. Cena a buffet. Chi deve affrontare un viaggio di ritorno può restare per il pernottamento (senza supplemento di spesa).

 

PostHeaderIcon Light on the landscape

To photograph a landscape as one takes a portrait in a studio may seem a paradox, but it is almost the same thing. It deals with working with the light on the subject and in the background in order to make the somatic (or geologic) characteristics stand out: the wrinkles of the ground, the gentleness of the slopes, the roughness of the ruts in the land. To underline the contours or to give importance to the volumes, to specify the forms or to make the depth stand out.

Working in the studio we can arrange the light sources as we like, but the situation is very different working in the “field”. There is only one light source, and is not always available. We must wait. When our light technician wants to work he is almost a God, but if he doesn’t want to.....plentiful doses of insults and curses aren’t worth anything. We have to wait (and this aspect is a great lessons of humility and life). It is necessary to know in advance when there will be good light, and sometimes even this doesn’t count. Sometimes the light passes, slips, runs, creeps, spreads, envelops, vanishes, goes. And, with its conspiratorial shadow, makes the texture stand out.

In these situations, photographing the landscape becomes stimulating - to be on the alert to steal the moment - while usually one thinks that it must be an utterly relaxing occupation. It is exactly in these circumstances that that magic I-don’t-know-what shows itself, allowing us to transfigure, rather than simply reproduce, a portion of world. And it is in this way that one can capture the soul of the environment that surrounds us, that is non other than the reflection of our soul.

Because the landscape ends at the horizon, but begins inside of us.

 

PostHeaderIcon Pellicola Elite 100 Extra Colour

There are no translations available.

Per quanto riguarda la pellicola Elite 100 Extra Colour, fornita gentilmente dalla Kodak, non l'abbiamo certo risparmiata: con il sole pieno, con il cielo coperto e anche sotto un velo di pioggia, abbiamo giocato con la sua latitudine di posa, ottenendo le cose più interessanti proprio maltrattandola di più, sottoesponendo in certi casi fino a due diaframmi, con le condizioni di luce giuste. E una luce che cambia in continuazione come quella dei monti Sibillini è sicuramente la palestra migliore.

Una pellicola veramente sorprendente nelle condizioni di luce più critiche, è proprio allora che da il meglio di sé, tirando fuori sfumature di colore inaspettate.

 

PostHeaderIcon La volta scorsa

There are no translations available.

Il workshop si è concluso dopo quattro giornate di intenso lavoro. L'autunno ci ha regalato dei colori come non se ne vedevano da anni e le riprese sono state fruttuose sia con il sole che con una leggera pioggerella che è stata utilissima per lavare l'aria e le foglie. Anche fotografare senza sole è stato utile, per convincersi che con gli opportuni accorgimenti i colori saltano fuori comunque. E utile è stato anche il confronto tra le due "scuole di pensiero": quelli che vogliono i colori forti ad ogni costo e quelli che fanno delle tonalità tenui e pastellate la loro cifra stilistica.Hagar e Offer, venuti dall'Israele, sono sicuramente quelli che hanno lavorato di più, anche perché si sono scatenati con le doppie esposizioni sfornando alla fine una serie di immagini veramente interessanti. Offer Goldfarb elabora poi queste immagini al computer e le stampa su carta Fabriano per acquarelli ottenendo risultati affascinanti. Ora avrà materiale nuovo per un'altra mostra a Tel Aviv. Auguri!
Il ciavuscolo era buono e il vino pure. Ci rimane il ricordo della simpatia del gruppo e il profumo della pimpinella appena colta, oltre al paniere colmo di nuove immagini. Arrivederci alla prossima edizione.

 

PostHeaderIcon Il Workshop

There are no translations available.

Torna l'appuntamento autunnale con il workshop dedicato ai colori e alle luci del paesaggio nella stagione più bella dell'anno. Dalle colline del Fermano fino ai Monti Sibillini è tutto un succedersi di situazioni interessanti per gli obiettivi dei fotografi: la dolcezza dei rilievi, l'asprezza dei calanchi, le coltivazioni, le strade bianche, i boschi, gli incantevoli paesi.
Alterneremo le riprese di documentazione con quelle più creative, sempre sfruttando la luce che pennella i rilievi e da risalto alle caratteristiche naturali del territorio. Le ore di luce diminuiscono (anche per il cambio di orario legale/solare), quindi non sarà indispensabile fare levatacce mattutine o tirar tardi la sera, avendo più tempo per discussioni e visione di immagini. Ampia libertà di lavorare in analogico o digitale, ma si raccomanda vivamente di non dimenticare il cavalletto e il filtro polarizzatore.
Sarà l'occasione per godere uno dei paesaggi più belli d'Italia, un paesaggio terapeutico, visto che gli abitanti di queste zone sono tra i più longevi del nostro paese.

Sede del corso: Country House "La Pavoncella", in ottima posizione lungo la valle dell'Aso: dall'uscita dell'A14 di Pedaso prendere verso nord (Porto San Giorgio), al semaforo voltare a sinistra (strada provinciale Valdaso) e proseguire per 4 Km (Valdaso di Altidona), l'imbocco per la Country House è sulla destra.

Quota di partecipazione: 420 euro comprendente il workshop e il soggiorno in mezza pensione, dalla cena del 27 ottobre alla prima colazione del 31 ottobre. Acconto di 200 euro da versare tramite bonifico bancario (cin Q abi 06150 cab 69660 CC0171007128) oppure con vaglia postale intestato a Claudio Marcozzi, via Pisacane 7, 63017 Porto San Giorgio. Sarà rilasciato un attestato di partecipazione.

iscrizione: This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it